Il CREF, che finalmente può oggi iniziare le sue attività scientifiche e di divulgazione della scienza, vuole essere da una parte un luogo di memoria e di insegnamento per le nuove generazioni per ricordare quel gruppo di “ragazzi” che ha dato origine alla scuola italiana di fisica e che ha contribuito a effettuare quelle scoperte fondamentali che hanno condotto al controllo dell’energia nucleare; dall’altra, con le attività che sta sviluppando, guardare anche al futuro con progetti scientifici innovativi e originali.