Loading...
La figura di Ettore Majorana ha affascinato scrittori e registi. Ma al di là della sua scomparsa cosa sappiamo della sua ricerca e delle sue incredibili intuizioni?
Salvatore Esposito, docente di Storia della Fisica all'Università di Napoli "Federico II" presenta un ciclo di tre lezioni dedicato al contributo di #EttoreMajorana alla fisica del '900 che troverete sul nostro canale YouTube
il 7 giugno 2022 il Museo dedicato ad Enrico Fermi apre le porte ai visitatori.

Il nostro Museo per ora è aperto alle scuole e ai gruppi di almeno 8 persone. Per questo ci fa piacere ogni tanto organizzare un open day per dare anche ai singoli visitatori o ai piccoli gruppi la possibilità di venire a trovarci.
Uno dei problemi principali nel settore agroalimentare, oggi, è riuscire a condurre analisi sulla tracciabilità e adulterazione dei prodotti in maniera estensiva e a costi contenuti. Uno studio condotto presso il Laboratorio di Fisica per i Beni Culturali del CREF ha permesso di individuare quattro benchmarks spettroscopici che permettono di discriminare cultivar, geo-tracciabilità, adulterazione, e ripetibilita’ agronimica su oli extravergine d’oliva, determinando con sicurezza se l’olio analizzato è italiano o no. Per lo studio è stata utilizzata una nuova metodologia che combina tecniche spettroscopiche e Machine Learning.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista internazionale ‘International Journal of Food Science & Technology (Wiley)’.
Un gruppo di ricercatori del Centro Fermi, Tor Vergata, Sapienza e CNR, ha proposto un approccio di meta-validazione statistica delle relazioni indirette nelle reti bipartite, che permette di identificare soglie di significatività tali da massimizzare il segnale e ottenere risultati indipendenti dal modo in cui è formulata l’ipotesi nulla. Nell’articolo pubblicato su Communication Physics, la procedura viene illustrata usando i dati sulla produzione scientifica nei vari paesi a livello mondiale.

Il 24 marzo 2022, nella sede dell'Industria spaziale OHB di Milano, si è svolta la presentazione del prossimo lancio del satellite LARES 2, dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Il satellite sarà lanciato in orbita dalla sede dell’Agenzia Spaziale Europea di Kourou (Guyana francese) con il nuovo lanciatore VEGA C di ESA e ASI, costruito da AVIO SPAZIO di Colleferro.

Il CREF partecipa al progetto con il Prof. Ignazio Ciufolini, responsabile scientifico della missione,  e l'ingegner Claudio Paris che si è occupato della progettazione del satellite oltre che dei test dei materiali e dei suoi costituenti.
Il conflitto tra Russia e Ucraina si gioca anche sul piano economico. Nel post precedente abbiamo esaminato la traiettoria di sviluppo nel periodo 2000 – 2018 della Russia mediante l’indicatore della Fitness economica, mostrandone la debolezza intrinseca.

Questa volta  mettiamo a confronto i due paesi con i metodi della complessità economica, per capire le caratteristiche intrinseche, le relazioni commerciali con l’esterno e le prospettive di sviluppo futuro che avrebbero avuto prima del conflitto. La previsione di sviluppo utilizza i dati fino al 2019 per prevedere lo sviluppo fino al 2024.
La guerra in Ucraina si gioca anche sul tavolo economico.

Nei giorni in cui si parla di possibile default del debito russo, abbiamo provato a misurare la sua stabilità e competitività attraverso la Fitness Economica (sviluppata recentemente alla Sapienza e adesso al CREF). Questo nuovo indicatore è stato recentemente adottato sia dalla Banca Mondiale di Washington che dalla Commissione EU per valutare i progetti del Recovery Fund (PNRR).

Uno studio pubblicato su Scientific Reports di Nature aggiunge importanti elementi alla comprensione dei riti funerari della Roma imperiale, grazie all’analisi combinata di spettroscopie vibrazionali su resti ossei ritrovati nell’Ipogeo delle Ghirlande, a Grottaferrata (Roma).  Lo studio è stato condotto dal CREF, dal Servizio di Antropologia del MIC, dai ricercatori dell’STFC Rutherford Appleton Laboratory e dall’Universita’ di Coimbra all’interno del progetto “Fisica per i Beni Culturali” del CREF.

Anno 1905. È il venticinquesimo anniversario della fondazione del Regio Istituto di Fisica, e  il fotografo sta per scattare una foto ricordo che passerà alla storia.
Accanto a Pietro Blaserna, fondatore e direttore dell’Istituto, spiccano infatti due figure femminili. Si tratta di Matilde Marchesini e Margherita Traube Mengarini, tra le primissime donne laureate in Italia.